Specialista ICT per la Pubblica Amministrazione, la Scuola e per la Piccola e Media Impresa

Gianfranco Bordoni

Gianfranco Bordoni

Essere specialisti nelle ICT  (information and communication technology) oggi è estremamente complesso; gli esponenziali progressi delle tecnologie, le soluzioni software sempre più sofisticate, i moderni concetti di organizzazione aziendale, pongono delle sfide che possono essere vinte solo se, accanto all’innovazione tecnologica, si presta attenzione alla pianificazione e sviluppo delle soluzioni, all”investimento economico e nelle risorse umane.

Per questo essere ICT specialist per la PA, per la Scuola e per le Piccole e Medie Imprese, significa saper armonizzare i nuovi scenari di mercato con la “mission” dell’ente/azienda, con particolare attenzione alle risorse umane (formazione e supporto), identificando lo sviluppo temporale di processi di organizzazione e di gestione delle attività legate alla trasformazione digitale che oggi, nel nostro paese, sta vivendo momenti di forti cambiamenti.

Da anni sviluppo soluzioni ICT per:

  • Comuni ed Enti della PA;
  • Scuole;
  • Piccole e Medie Imprese;

con particolare attenzione agli aspetti di formazione del personale e di supporto continuativo.

La mia esperienza mi consente di affermare che “non esiste una soluzione perfetta, ma tutto concorre verso l’obiettivo ultimo: migliorare la qualità del lavoro e del servizio”.

All’interno del sito troverete descritte le strategie e le soluzioni che, nel corso degli anni, sono state sviluppate e che oggi offrono garanzia di modularità (e quindi facilmente scalabili), adattabili a diversi contesti produttivi e di servizi, con particolare attenzione verso il mondo “open(ad esempio questo sito è interamente realizzato con la piattaforma WordPress, completamente gratuita) che offre oggi un significativo ed affidabile supporto per gestire processi e procedure essenziali per una eGovernment efficace ed efficiente.

 

Scuola Digitale

Scuola Digitale

Didattica Digitale

In questi anni ho approfondito i nuovi modelli didattici, basati su processi di apprendimento collaborativi, sviluppati in armonia con l’esponenziale diffusione delle tecnologie anche nel mondo della scuola.

Oggi, in collaborazione con aziende specializzate e scuole di ogni ordine e grado della provincia di Sondrio, seguo l’importante trasformazione dei processi educativi (conoscenze, competenze e capacità), con particolare attenzione all’utilizzo di strumenti  e metodologie all’avanguardia, quali le soluzioni in cloud di Google (Google App for Education), i processi di apprendimento digitali vurtuali (classroom, FAD, MOOC, ecc.).

Ma la scuola ha bisogno anche di rivedere i processi gestionali: questo può avvenire solo se  le risorse umane e le procedure vengono armonizzate e razionalizzate con i nuovi sistemi di gestione digitale (Registro Elettronico,  Gestione Documentale e Conservazione a Lungo Termine). In quest’ambito, dal 2008, seguo diversi progetti di organizzazione aziendale e dei processi nelle scuole.

Stiamo trasformando la scuola, accettando nuove sfide, ma sempre con l’obiettivo di porre lo studente al centro dei processi di apprendimento, con particolare attenzione al territorio ed alle sue specificità, valorizzando nel contempo le figure professionali attive e collaborative, operative nella scuola oggi.

PNSD (Piano Nazionale della Scuola Digitale).

PNSDCapire come la scuola cambia, attraverso l’introduzione della didattica digitale.

la mia esperienza in ambito digitale, dalla progettazione di reti alla sicurezza informatica fino alla realizzazione di unità di apprendimento digitali, mi consentono di analizzare come la scuola si stia trasformano.

Lezioni frontali, lavagne in ardesia, gessi e fogli in A4 fanno parte di un passato che osserviamo sfumare: oggi la didattica si esprime attraverso processi innovativi profondi che pongono lo studente al centro del processo educativo, attraverso l’apprendimento collaborativo.

Analizziamo come affrontare questo cambiamento, consapevoli delle nuove necessità didattiche efficaci e che possano innovare le metodologie educative/didattiche che anche l’Europa chiede.

Ho sviluppato un’area specifica dove affronto questi temi complessi ed articolati. Un modo per capire e conoscere, un aiuto nel definire una nuova figura di docente non tecnologico ma consapevole dei cambiamenti in atto.

 

Etica nella Comunicazione Digitale

Etica nella Comunicazione Digitale

Etica nella comunicazione digitale

Un’ analisi dell’arte delle più importanti problematiche etiche e sociali suscitate dalla pervasiva diffusione delle nuove tecnologie dell’informazione.

Affronterò un tema complesso che analizzerà l’etica in e della rete, con un’analisi dettagliata delle governance di Internet e dei Social Network.

Ma sopratutto andrò ad analizzare i pericoli che la “darknet” potenzialmente porta nelle nostre case, nei nostri dispositivi (device), le problematiche e le minacce che i giovani oggi vivono con lo sviluppo del “deep web“.

Un mondo da conoscere affinché non si viva un problema per la nostra società e per i nostri giovani.

BlogGBMa il mio impegno si concretizza ulteriormente attraverso il BLOG, luogo dove affronto temi importanti legati all’etica digitale, sviluppando argomenti attuali che identificano il mio impegno come consigliere comunale di Sondrio.

Essere “cittadini attivi” significa argomentare la propria visione nelle diverse situazioni che identificano la nostra società, locale e non, attivando incipit di riflessioni da condividere e che, analizzate con intelligenza, possano identificare strategie ed attività con lo scopo di migliorare la qualità della vita.