La didattica inclusiva

Didattica inclusiva

Didattica inclusiva

Percorso finalizzato ad una azione formativa efficace che potenzi l’inclusione degli alunni con difficoltà di vario tipo.

Team Digitale – PNSD

 

Premessa/Introduzione

Ogni insegnante vorrebbe rendere gli argomenti trattati in classe il più possibile fruibili ed appetibili per gli alunni.

Fondamentale è che l’acquisizione delle conoscenze e competenze incida il più possibile nella formazione dell’alunno stesso e non sia un sapere occasionale e decontestualizzato.

La LIM, in virtù delle sue caratteristiche, permette l’interazione con contenuti che non necessariamente devono essere letti in forma sequenziale. In questo modo le modalità di insegnamento, e quindi di apprendimento, favoriscono l’osservazione della realtà da molteplici punti di vista, mostrando interconnessioni e rapporti logici e permettendo di sviluppare strategie metacognitive.

Si immagina un ambiente scolastico nel quale l’aspetto collaborativo e di coinvolgimento, che questo strumento facilita, renda più motivante l’intervento formativo.

La LIM permette, inoltre, di creare un ambiente-laboratorio dove gli alunni sono chiamati ad un atteggiamento meno passivo, condividendo e co-costruendo la conoscenza con il docente.

Inoltre è possibile ipotizzare situazioni di scrittura collaborativa, problem solving, brainstorming, che rendano il lavoro il più collettivo e condiviso possibile.

La LIM nella scuola è sicuramente da considerarsi uno strumento che agevola l’inclusione degli alunni disabili o con bisogni educativi speciali (BES).

Un obiettivo fondamentale che ci si prefigge con la realizzazione di questo corso è la creazione nella classe di un ambiente dinamico in cui convergono linguaggi digitali e strumenti multimediali (LIM, computer, connessione a Internet) a supporto di metodi e strategie didattiche che favoriscono l’inclusione di alunni con disabilità.

 

Breve descrizione

Questo corso si prefigge di utilizzare le nuove tecnologie, ed in particolare la LIM come strumento di inclusione e valorizzazione delle diversità.

È chiara la percezione che tutti gli studenti saranno in grado di rispondere alle sollecitazioni sfruttando le capacità sensoriali, cognitive, trasversali e strategiche, che potranno essere messe in campo in una relazione collaborativa attraverso un processo circolare.

Se i compiti vengono svolti in forma digitale (per molti alunni disabili è indispensabile), si può renderne possibile la condivisione con gli altri compagni anche attraverso l’uso della LIM e di piattaforme in cloud.

La correzione dei compiti può diventare un momento coinvolgente per tutti perché ognuno può sentirsi attivamente partecipe.

I contenuti didattici digitali fruibili dalla LIM possono, inoltre, coadiuvare l’operato del docente anche per l’inclusione degli alunni stranieri.

La possibilità di utilizzare messaggi iconici affiancati da file audio possono aumentare la capacità di comprensione della nostra lingua.

L’interazione e la “multimodalità”, caratteristiche tipiche dei “Learning object” sono un valido aiuto anche per l’integrazione nelle classi di appartenenza.

Ogni studente, sulla base delle proprie caratteristiche personali (stile di apprendimento, canali comunicativi privilegiati, esigenze specifiche derivanti da disabilità), può fruire dei contenuti e svolgere le consegne con le modalità a lui più consone.

In sintesi, della stessa lezione è possibile avere: le pagine di ciò che è stato fatto sulla lavagna, i collegamenti ipertestuali, le mappe concettuali, la registrazione audio-video, materiali di approfondimento in formato audio, testo, video, link ai siti utili, software, ecc.

 

Obiettivi/finalità/metodologia di lavoro

Sostanzialmente gli obiettivi che si intendono perseguire sono:

  • creare un ambiente di apprendimento dinamico e integrato;
  • accogliere ed integrare gli  alunni con disabilità e stranieri;
  • incoraggiare la partecipazione di tutte le tipologie di studenti, migliorandone il rendimento;
  • potenziare  la motivazione ad apprendere;
  • fornire competenze indispensabili per favorire una crescita consapevole.
  • Fornire agli alunni con DSA gli strumenti compensativi r dispensativi previsti quali:
    1. Programmi di videoscrittura in piattaforma cloud (google drive);
    2. Strumenti di progettazione e di gestione di questionari/prove strutturate on line (moduli google);
    3. Sintesi vocale – riproduzione verbale di un testo scritto
    4. Riconoscimento vocale – riproduzione digitale di ciò che viene esposto verbalmente;
    5. Programmi di audio registrazione – fruibilità e riascolto di testi affrontati;
    6. Libri digitali – utilizzo della versione digitale del libro di testo (progettazione di unità didattiche “atomiche”).
  • I docenti, oltre a creare insieme agli alunni le lezioni utilizzando le varie possibilità offerte dal software autore della LIM, potranno utilizzare materiale specifico sia per le singole discipline sia finalizzato all’inclusione degli alunni che presentano difficoltà, compresi gli alunni stranieri.
  • Per gli alunni disabili si prevede l’utilizzo di software per le loro esigenze particolari. Oltre ai software specifici, si prevede di utilizzare programmi on-line, software gratuiti, open source, da reperire nella rete.
  • Procedimenti per trasformare la scrittura da minuscolo a maiuscolo (per alunni con DSA).
  • Programmi per sviluppare la spazialità e la lateralizzazione sulla LIM.
  • Utilizzo della webcam integrata nei PC collegati alle LIM per esercizi legati alla mimica espressiva e funzionale alla trasmissione di messaggi significativi.
  • Registrare file audio e file screencast, anche con gli alunni, per integrare i messaggi iconici e scritti.
  • Inserire all’interno delle lezioni video esplicativi selezionati nella rete internet.
  • Per gli alunni con DSA si proporrà l’utilizzo del software didattico compensativo/riabilitativo per LIM.
  • Per gli alunni che invece presentano difficoltà generalmente legate alla dislessia, si intende utilizzare una serie di programmi open source tra i quali:
    • Software che permettono di creare mappe mentali interattive con le quali rendere più semplici gli argomenti trattati.
    • Programmi di sintesi vocale che si propongono di rendere maggiormente accessibili agli studenti con disabilità cognitive, sensoriali, neuromotorie e difficoltà di apprendimento, i programmi per videoscrittura e presentazione più diffusi.

Con l’ausilio della LIM sarà possibile condividere i suddetti contenuti con l’intero gruppo classe, aumentando la capacità cooperativa degli alunni.

 

Argomenti trattati/programma dei lavori

Il corso ha come obiettivi l’acquisizione di competenze necessarie a:

  • Usare la LIM in situazioni di insegnamento/apprendimento;
  • Progettare contenuti digitali di insegnamento inclusivi;
  • Ricercare, catalogare e condividere risorse didattiche disponibili on-line attraverso la LIM;
  • Realizzare percorsi didattici per le diverse discipline che sfruttino un ambiente di apprendimento collaborativo e gli oggetti multimediali;
  • Offrire ai docenti coinvolti una formazione permetta loro di:
    1. integrare nella didattica quotidiana le potenzialità della LIM con l’ausilio di nuovi strumenti tecnologici e risorse multimediali (Learning Objects);
    2. sperimentare semplici strumenti per la realizzazione di contenuti digitali per la didattica;
    3. favorire l’interazione e la cooperazione tra gli studenti e con i docenti secondo i modelli emergenti di didattica collaborativa;
    4. favorire la personalizzazione del percorso educativo degli studenti, in particolare per alunni con difficoltà di apprendimento;
    5. Valorizzare le competenze del personale docente in termini di didattica con le nuove tecnologie.
  • Sviluppo di esperienze:
    1. Collaborative;
    2. Metacognitive;
    3. di problem solving.

La peculiarità del percorso si esprimerà in modo particolare nei seguenti aspetti:

  1. Analisi dei software proprietari dei modelli LIM;
  2. Carattere teorico / laboratoriale (didattica attiva) delle attività;
  3. Presentazione di semplici programmi per la realizzazione di attività che coinvolgano l’intero gruppo classe valorizzando le differenze nell’approccio cognitivo;
  4. Utilizzo dei contenuti della rete Internet per integrare le lezioni e le ricerche.

Docente formatore:  Gianfranco Bordoni

 

Modalità di fruizione/erogazione

Il corso di formazione per i docenti del team digitale permetterà di approfondire l’utilizzo inclusivo delle tecnologie e di creare, insieme al docente formatore, contenuti didattici digitali da utilizzare nelle proprie classi.

Si prevede, inoltre, l’utilizzo di una piattaforma on-line (moodle) dove verranno inseriti materiali, link ai programmi affrontati nel corso, informazioni sugli argomenti trattati e collegamenti ai siti delle case produttrici di LIM.

Si valorizzerà anche quelle metodologie di confronto “on-line” (skype-hangouts) dove i corsisti potranno interagire tra loro o con il docente formatore per chiarimenti ed informazioni varie.

 

Destinatari del percorso formativo

La formazione è rivolta a docenti appartenente ai “team digitali” previsti dal Piano Nazionale della Scuola Digitale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *